I tweet di @radiorumore

RuMORE è un progetto di [email protected]

CEA_banner

borea

The Social Day – Il resoconto PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Pugliese   
Giovedì 21 Dicembre 2017 17:04

http://www.darvoce.org/wp-content/uploads/2017/12/insta.jpgLunedì 11 dicembre 2017, alla sede di Unimore a Reggio Emilia alla caserma Zucchi, si è tenuto il “Social Day”, un incontro organizzato dall’associazione studentesca Unilife, che da anni anima la vita accademica reggiana. Protagonisti, i social media manager di alcuni grandi nomi dell’imprenditoria italiana e i più noti webinfluencer.

L’evento ha svelato alcuni dei punti chiave riguardo l’utilizzo dei social a livello imprenditoriale, utile sia per gli studenti di comunicazione e marketing che vorranno intraprendere tale carriera ma anche per neofiti appassionati del settore.

La seconda parte della giornata prevedeva una discussione sull’Instagram business, ovvero la capacità di poter monetizzare mediante i like ricevuti su un profilo Instagram.

Ad introdurre l’argomento è il professor Maurizio Mercurio, docente di strategie di comunicazione presso l’UNIMORE, con un breve excursus dai primi movimenti pubblicitari, generati da ricerche campionarie unidirezionali che permettevano di arrivare ad un target alla volta. Sino ai giorni nostri, mediante i social network che permettono un censimento in tempo reale e molto più specifico, allargando così lo spettro del target a cui puntare, passando così dalla generazione offline a quella online.

A seguire hanno fatto il loro intervento gli “influencer” (ragazzi che hanno capito come far buon uso delle loro capacità diffondendole sui social) Alberto Trevisan, Giulia Golino e Andrea Antoni.

Alberto Trevisan (Luxury AT), abbandona statistica all’università dopo aver intuito che poteva guadagnare influenzando l’opinione comune semplicemente ripostando foto di oggetti e luoghi di lusso sul suo profilo: da lì la scalata al successo diventando business entrepreneur, come si definisce, con un team tutto suo con cui cavalcare il flusso dei dati per grandi marchi.

Giulia Golino (Cook Eat Love) inizia col suo blog culinario, per cui crea un motto “fate l’amore, non fate la dieta”, ci mette anche la faccia, come lei ha sempre sostenuto, quindi si tuffa totalmente nel suo progetto che la fa passare da influencer a testimonial di prodotti, in cui si riconosce, sino ad approdare sulla televisione nazionale, in uno spazio culinario che le viene creato appositamente su QVC, canale di intrattenimento e televendita.

Lo strano caso di Andrea Antoni (Style1), un graphic designer che un giorno decide di fare una foto ad un paesaggio mettendo in primo piano una mazzetta usata per la stampa a quadricromia, definita comunemente Pantone (dal nome della casa produttrice) con i colori del paesaggio stesso. Da quel momento è pioggia di like, così tanti che incrementa il suo album instagram utilizzando la stessa tecnica per ogni foto (appurato che No Pantone, No Like), fino al riconoscimento di un suo hashtag ufficiale e qualche riconoscimento pecuniario da parte di Instagram. Riesce anche a pubblicare un libro, “Trova la tua identità su Istagram”, dove spiega quali potrebbero essere le tecniche migliori per guadagnare con le foto.

Dal mondo virtuale si ritorna a quello reale, in cui la protagonista della scena è Laura Azzolini, Digital Comunication Manager della Cellularline, ditta reggiana che in questi anni ha scalato il monopolio degli accessori per smartphone. Ci ha parlato dello scontro avuto con la realtà virtuale, e di tutto il lavoro minuzioso apportato per promuovere un loro prodotto sulla piattaforma di Instagram per accaparrarsi un pubblico molto giovane (mediante influencer) e portarlo così ad acquistare e negli store adibiti (Virtuality Vs Reality).

Insomma una giornata che ha dato parecchi spunti di riflessione, sia per chi di social ne mastica sia per chi pensa che basti semplicemente improvvisare senza una minima conoscenza di quelli che possono essere gli indici di gradimento che ancora capeggiano in questa società 2.0.

Ringraziamo la vicepresidentessa dell’associazione Unilife, Manuela Lorusso, che ci ha invitato, mettendosi a disposizione e facendoci da tramite per le interviste agli ospiti.

A seguire le interviste di Michael Seykere e Giuseppe Pugliese.

Laura Azzolini:

Giulia Golino

Alberto Trevisani